21 Agosto 2019
NEWS
percorso: Home > NEWS > News Generiche

ISTRUTTORI SPORTIVI: è obbligatorio avere un diploma?

08-04-2019 15:38 - News Generiche
Questo articolo prende spunto dall’ormai quotidiana domanda che ci viene rivolta in merito all’obbligatorietà da parte di istruttori, allenatori e maestri di disciplina di possedere una diploma per lo svolgimento della propria mansione.

Per questo siamo a precisare che la normativa italiana prevede in maniera precisa che ognuno di questi soggetti debba avere una certificazione rilasciata da:

1. C.O.N.I. – Comitato Olimpico Nazionale Italiano;
2. Federazioni Sportive o Discipline associate riconosciute dal C.O.N.I.;
3. Enti di Promozione Sportiva Nazionali riconosciuti dal C.O.N.I.;
4. Università tramite le Facoltà di Scienze Motorie;
5. Enti equiparati (es. Associazioni e Albi Professionali e/o di Categoria, Accademia di Danza, ecc).

Le certificazioni devono essere emessi direttamente dai suddetti Enti di promozione sportiva nazionali preposti o dalle federazioni riconosciute dal C.O.N.I. e NON IN MODO INDIRETTO.

Le competenze sportive del CONI sono state confermate dal Decreto Legislativo 23/07/1999 n. 242 (il decreto Melandri di riordino dello sport) che assegna “l’organizzazione ed il potenziamento dello sport nazionale” e “la promozione della massima diffusione della pratica sportiva”, a norma dell’art.11 della Legge 15 Marzo 1997 n.59 e nei limiti di quanto stabilito dal D.P.R. 24 luglio 1977 n. 616.
A ciò si affiancano le competenze attribuite alle Regioni affidate dalla legge 549/95, art.2, comma 46, lettera b; legge 59/97, art. 7; Dlg 31/03/98 n. 112; fino ad arrivare alle recenti modifiche dell’art. 117 della Costituzione, per cui, allo stato attuale, la materia dello sport è “a legislazione concorrente” tra Stato e Regioni.

Nello specifico della nostra regione, la Legge Regionale 8/2017 all’articolo 11 - Assistenza nelle attività motorie e sportive e tutela del praticante riporta quanto segue:
1. I corsi e le attività motorie e sportive, tenuti a fronte del pagamento di corrispettivi a qualsiasi titolo, anche sotto forma di quote di adesione, devono essere svolti con il coordinamento di un istruttore qualificato o di un istruttore di specifica disciplina.
2. L’istruttore qualificato deve possedere il diploma rilasciato dall'Istituto superiore di educazione fisica (ISEF) di cui alla legge 7 febbraio 1958, n. 88 (Provvedimenti per l’educazione fisica) o la laurea in scienze motorie di cui al decreto legislativo 8 maggio 1998, n. 178 (Trasformazione degli Istituti superiori di educazione fisica e istituzione di facoltà e di corsi di laurea e di diploma in scienze motorie, a norma dell’articolo 17, comma 115, della L. 15 maggio 1997, n. 127), oppure titoli di studio equipollenti conseguiti all'estero e riconosciuti dallo Stato italiano.
3. L’istruttore di specifica disciplina deve essere in possesso dei requisiti previsti per le singole attività motorie e sportive dalle relative federazioni sportive o dalle discipline sportive associate o dagli enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI e dal CIP [omissis].

Titolo per accedere ai compensi di natura sportiva
Da chiarire inoltre che il compenso ex art. 37 L. 342/2000 può essere utilizzato anche per le seguenti mansioni: tecnico, allenatore, collaboratore amministrativo-gestionale, addetto ad attività complementari allo sport praticato.
Va da sé che alcune attività potrebbero essere svolte da persone senza un particolare e specifico titolo di studio abilitativo (un accompagnatore degli atleti, ad esempio).


Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata